Nell’affanno spesso del quotidiano una fessura a volte ci aiuta a non annodarci il respiro. E noi ci lavoriamo su, allarghiamo a graffi lo spiraglio, fino a farne sgorgare la luce, fino a vedervi dentro, a capire che di là c’è un nuovo paesaggio, un nuovo cammino da intraprendere.
Sto ancora cercando lo zaino giusto, il più capiente, e sto componendo i bagagli, selezionando l’essenziale da portare con me ed il superfluo da lasciare per strada. Ancora un po’ di pazienza per allargare il buco e uscir a riveder le stelle che si distendono sopra di noi.

Annunci