Tra due minuti chiederò al mio corpo di riempirsi di sugheri, anche se non avrò completato la decompressione di cui avevo assolutamente bisogno. A volte, credo ferventemente alla crudeltà di quell’altro io che mi si aggira nell’angolo destro dell’occhio destro, proprio là dove diventa impossibile cavarlo via come un moscerino. Mi sbaglierò, ma non vedo altra soluzione che accecarmi volontariamente e così evitare di desiderare la tortura d’altri. Anche se non sono proprio sicuro che questo sia un peccato capitale.

Annunci