Soltanto stanotte, dopo che l’afa mi aveva tolto per qualche giorno la voglia e le forze necessarie per rastrellare i pensieri, il temporale mi ha esortato a riaprire la pagina rimasta immobile per un pò e mi ha ricondotto alla sola strada che so percorrere senza inciampare. Quindi, dopo aver ringraziato con tutto il cuore i poeti che hanno condiviso una settimana della loro vita con noi maceratesi, l’attività riprende il ritmo naturale, anzi, magari un inconsueto vigore si dispiegherà grazie ad uno di quelle piroette che spesso la vita si concede.
Per iniziare, un testo di qualche giorno fa sul tema dell’incontro, o meglio del timore dell’incontro:

la vergogna di essere contro te
e in riflesso te
la mente che discerne il sudore
che siede dentro
che si forma pianto e preghiera

Annunci