Tag

, , , , , , , , , ,

Andiamo all’estero, a Francoforte, per un “Perigeo” un pò fuoriporta… Su Radio Linea, alle 18.15.

Oggi “Perigeo” vola a Francoforte per l’evento più importante dell’anno per editori ed appassionati di lettura: la Fiera del libro di Francoforte, che ha aperto i battenti martedì scorso a tutti coloro che vogliono conoscere tutte le novità librarie dell’anno. Ma ogni anno la Buchmesse sceglie anche un Paese ospite d’onore della manifestazione con le sue eccellenze culturali, cogliendo l’occasione per accendere il dibattito su temi cruciali quali la libertà di pensiero e il ruolo sociale e politico della letteratura. Quest’anno ci sono anche moltissime polemiche poiché l’ospite d’onore è la Cina, la quale ha preparato per la Fiera la bellezza di 450 eventi in cui la cultura e la letteratura cinese saranno presentate per la durata della fiera da circa 2000 autori, giornalisti e editori. Questi numeri sfarzosi nascondono, tuttavia, l’esclusione di una parte fondamentale della cultura nazionale, quella critica nei confronti del regime. Diversi tra gli scrittori cinesi più importanti, infatti, non potranno prendere parte alla manifestazione. Alcuni si trovano in prigione, come Hu Jia, arrestato nel 2008; altri, come la scrittrice e poetessa tibetana Tsering Woeser, sono sotto stretta sorveglianza. Ad altri ancora, tra cui allo scrittore e musicista Liao Yiwu, è stato impedito dalla polizia cinese di lasciare il Paese, nonostante un invito ufficiale alla Fiera. Le critiche delle associazioni umanitarie e le denunce di censura si contrappongono alla rivendicazione da parte degli organizzatori dell’importanza della cultura cinese nel panorama mondiale.
Mentre il dibattito rimane aperto, noi vi invitiamo ad approfondire le proposte della Fiera sul sito ufficiale www.buchmesse.de

Annunci