Tag

, , , , , , , , , ,

Oggi “Perigeo” (Radio Linea, ore 18.15) vi dà il consueto consiglio di lettura con un libro tenero e divertente che ci farà anche riflettere sulle problematiche vissute dagli italiani di nuova generazione. Un maestro di scuola elementare di Reggio Emilia, Giuseppe Caliceti, ha raccolto in volume i pensieri semplici ma fulminanti di tanti bambini provenienti da famiglie di immigrati che ci raccontano dal loro punto di vista che cos’è lo spinoso problema dell’integrazione affrontato tutti i giorni, a scuola e fuori. Il titolo è “Italiani, per esempio” ed esce in questi giorni per la casa editrice Feltrinelli: le frasi dei bambini raccolte al suo interno vengono intervallate da storie, testimonianze e riflessioni dell’autore e dei suoi alunni. Ne esce fuori il ritratto di una Nazione in movimento, che cambia volto e si fa sempre più colorata, pur ammettendo che ancora c’è tanta impreparazione all’accoglienza. Un aiuto a superare questa empasse ce lo può dare l’innocenza di questi piccoli spettatori che ci regalano chicche come queste: “Sono bassi, simpatici, allegri, sempre alla moda. Gli italiani assomigliano agli albanesi. (Vera, 9 anni, Albania)”; oppure: “Nessuno era mai la mia migliore amica, invece dopo è arrivata. Io ho capito che se vuoi diventare amica di una bambina italiana (o anche non italiana) tu non devi tirare dei sassi a lei. (Sheela, 6 anni, Sri Lanka)”; o ancora: “Gli italiani per me sono abbastanza patriottici. I maschi, soprattutto. Perché quando c’è la Nazionale di calcio, se vince, loro vanno in giro per le strade con le macchine a fare casino con la bandiera dell’Italia perché ha vinto la partita. Una cosa che non ho capito è questa: e se perde? (Daniel, 11 anni, Albania)”. Non vi anticipiamo di più e vi auguriamo: BUONA LETTURA!

Giuseppe Caliceti, “Italiani, per esempio”, Feltrinelli, pag. 256, € 14,00.

Italiani, per esempio

Italiani, per esempio

Annunci