Tag

, , , , , , , , , ,

Periodicamente, lo sapete, “Perigeo” vi porta a fare un giro del mondo sul tappeto volante della lettura segnalandovi un libro che vi faccia conoscere un aspetto inedito della vita che ci gira attorno. Il libro di oggi vi racconta l’esperienza difficile dei migranti, con parole ed immagini: infatti, “Sogni di sabbia”, edito dalla Infinito Edizioni e curato dal giornalista Sandro De Luca, è un insieme di tante storie diverse che rivivono i loro viaggi, non sempre a lieto fine, non riuscendo a realizzare il loro progetto. Per tanti migranti il miraggio diventa incubo, ed i protagonisti di questo libro, corredato da splendide foto in bianco e nero del fotografo algerino Kays Djilali, con i loro volti ci raccontano che cosa c’è – in questo caso in Algeria – prima dell’approdo sulle nostre coste. Partiti dal Congo, dal Niger, dal Mali, dal deserto del Sahara, sono tanti, sempre di più, quelli che non vedranno mai l’Europa. Perché rimangono bloccati nei Paesi del Maghreb, in un limbo da cui non riescono più a uscire. Scoprire il viaggio prima del viaggio, la loro vita prima della partenza, può aiutarci a comprendere e smontare pregiudizi e stereotipi. Prima di diventare migranti, irregolari o clandestini, sono persone, come noi. Il libro è corredato inoltre dai contributi introduttivi di nomi di spicco come Gad Lerner e la scrittrice e linguista italo-somala Ubah Cristina Ali Farah che nella prefazione sottolinea: “Non è vero che questi giovani migranti non hanno nulla da perdere. Hanno solo il coraggio di rischiare. Buttarsi a capofitto con quel briciolo di incoscienza necessario per affrontare l’impossibilità”.

Sandro De Luca (a cura di), “Sogni di sabbia”, Infinito editore, € 15,00.

Sogni di sabbia

Sogni di sabbia

Advertisements