Tag

, , , , , , ,

Oggi a “Perigeo” (Radio Linea, ore 18.15) parliamo dei rom…

In concomitanza con il Vertice europeo sui Rom iniziato ieri a Cordova in Spagna, la Commissione ha pubblicato due rapporti sulla più importante minoranza etnica dell’Unione Europea. Nel primo documento, la Commissione esorta gli Stati membri a usare i fondi UE per favore l’integrazione socioeconomica dei Rom. “L’integrazione dei 10-12 milioni di Rom – una popolazione grande come quella del Belgio o della Grecia – costituisce una responsabilità comune degli Stati membri e delle istituzioni UE” – sottolinea il rapporto. Questa integrazione passa per l’accesso a posti di lavoro e a un’istruzione non segregati, nonché ad alloggi e a servizi sanitari. Oggi i Rom sono presenti in quasi tutti i Paesi europei, in particolare in Spagna (650mila), Romania (535mila), Turchia e Francia (entrambe 500mila), mentre in Italia sono 130mila. La loro situazione è stata passata al settaccio dalla Commissione europea in un secondo rapporto dove si fa un bilancio sui progressi e le difficoltà registrati negli ultimi due anni. Per superare gli ostacoli all’integrazione dei Rom, la Commissione ha reso noto un documento che traccia a grandi linee un programma in cui si prevedono, tra le altre cose, il ricorso ai Fondi strutturali europei, compreso il Fondo sociale UE e la valorizzazione del potenziale delle comunità Rom nella strategia “Europe 2020”. Queste misure, però, non sono percepite come efficaci da associazioni umanitarie come Amnesty International, la quale ricorda che le autorità nazionali hanno chiuso gli occhi di fronte alla discriminazione ingiustificata dei rom e dovrebbero essere responsabilizzate ed agire direttamente senza la copertura economica e logistica dell’UE. Ma almeno questo potrebbe essere un primo passo per rimediare ad uno dei capitoli più complessi e spesso imbarazzanti delle politiche nazionali nei confronti dei migranti, come nei casi, in Italia, degli sgomberi senza alternative a Milano o del “piano nomadi” del Comune di Roma. Staremo a vedere!

Annunci