i giorni sono concreti
riempiono l’occhio ligneo
che legge erbe e spume
quando allagano il tempo
la mano è rubata dalla marea
non chiede salvezza, disattenta
alla sollecitudine svagata dei volti
alternati ai sedili del viaggio
diventa assai esile il nervo
che collega alle persone
non c’è più vantaggio a tessere
ad afferrare la schiuma di spiaggia
che prima scriveva nomi e rinunce
distrazione vince, unico rimedio
se ancora può colmare

Annunci