Dalle tue mani scivolano gli oggetti, che ti hanno amato e protetto, che ti hanno giocato quando dimostravi eccessiva sicurezza, e ti hanno dato cuore quando le lacrime gravavano gli angoli degli occhi. Gli oggetti, come noi, hanno termine, il respiro gli si pietrifica e non vuole più sollevarsi, non cerca più l’abisso dei momenti che mai più saranno. Tuttavia si piegano nella tasca più remota, attendendo la mano che vi si infila per scivolare di nuovo sui margini e sorridere di nostalgia.

Annunci