esistono giornate risolte, come alla fine di un temporale, dove ogni tessera è alloggiata come si deve; e poi esistono le travi crollate, il soffitto che si sfonda nel terso di un pomeriggio d’estate, un’invidia di normalità che andrebbe in altro riposta, magari legandosi ad un palo per navigare indenne la notte
ecco, queste le facce di un bivio che si ripresenta ogni qualche chilometro, e per quanto la velocità sostenuta induca scelte fulminee, non puoi non fissare un’attonita cartina che si duole di non essere utile in alcun modo

Advertisements