non guardata l’aria che irrigidisce
alle grinze degli occhi
non soffermato
sul vento che sostiene le mani

che si attenda allo sviluppo dei giorni
come sulla cima di un pensiero
che dirupa senza freno e si guardi
in alto sulle sommità i falchi
in ignara libertà dalle nostre ferite

Annunci