Tag

, , , ,

La prima serata del Licenze Poetiche Festival di quest’anno ospita come sempre uno degli incontri della bottega di scrittura “La Tribù dalle Pupille Ardenti”, e questo lunedì il tema della serata era uno dei miei dipinti preferiti, “La vocazione di San Matteo” di Caravaggio, ospitata nella chiesa di San Luigi dei Francesi a Roma. Riflettendo su un Matteo Levi tutt’altro che sottomesso alla chiamata di Gesù, ho scritto questo:

perché nella luce la celia
del tuo dito mi acceca – eddai
che la colpa stringe il petto
di quelli chini e affumicati
come ombre nei vetri – affanculo
la tua pace, culla dei tremori
del ritmo di sesso e lucenti sete
io la barba mi illustro di cadute
truffo la lingua di chi santo muore
apro il sipario freddo della fine

Annunci