siamo fermi dove ci hanno detto, ci hanno legato all’inferriata dimenticandoci e a noi la fame sfonda le orbite, guardando se mai qualcuno ci desideri o preghi almeno per noi, ma le immagini scorrono senza confine, ignare d’autovelox, sparendo oltre la curva senza rammarico di noi qui al palo dov’è scritto che dio c’è ma noi sinceramente non l’abbiamo mica visto

Advertisements