Tag

, , , , ,

Anche oggi, alle 11:15, una nuova puntata di Poesia Domani in cui vi parliamo di un appuntamento con i versi di una nota poetessa della Riviera picena. Infatti, nell’ambito degli eventi di Marche Centro d’Arte, presso la Galleria Marconi di Cupra Marittima, venerdì 13 Giugno, alle ore 18:30, avrà luogo un incontro di poesia con Enrica Loggi e la sua ultima raccolta di liriche …A una rima di vento (Polistampa, Firenze, 2012).
Introduce e conversa con Enrica la giornalista e critico d’Arte Nikla Cingolani. La lettura dei testi tratti dal libro sarà a cura dell’Autrice.
Si ripropone così la poesia della Loggi, intesa come una facoltà interpretativa necessaria, quanto più si tende a svalutarla nella farragine delle opzioni culturali correnti. Si insiste in un cammino in cui si è creduto, da lungo tempo, alla grande maternità della parola, alla sua grazia, al suo insopprimibile dono d’umanità.
Enrica Loggi ha pubblicato le seguenti raccolte di liriche: Vasto era il mare (Maroni, 1993), Il seme della pioggia (Maroni, 1995), Musica leggera (Maroni, 2000), Di acque e segni labili (Edizioni del Leone, 2000), Il talento dei giorni (Stamperia dell’Arancio, 2002), …A una rima di vento (Polistampa, Firenze, 2012). E’ redattrice della rivista letteraria “UT” di San Benedetto del Tronto.
Alcuni suoi testi, in poesia e in prosa, sono presenti nel blog Nel soffio della poesia.

*
La pioggia fruscia come un uccello sul parabrezza
la strada che costeggia il fiume ha la bellezza
delle acacie efebiche fiorite a maggio
giù lungo gli argini dove incontri
la serpe d’acqua che scansa le pietre
e non raggiunge il mare, pigra
nella pianura selvatica
sola  sotto la sferza della pioggia
come di un’altra vita, un’eco
di compagnie trascorse, di bivacchi
sotto il cielo schiarito e tiepido
di un maggio clamoroso
tempestato da rondini baccanti.
E  sulla terra grigia gli amici,
i solitari, gli amanti
vivono questa musica.
Tra gli argini che il cuore non sa mettere
si va barcamenando di ciascuno
l’innocenza e l’angoscia, come il fiore
votato a seminarsi nei pensieri,
cancellarsi in una nuova acqua che scorre.

Annunci