In questi giorni, tantissimi, tutti forse, hanno espresso la loro rabbia, indignazione, reazione alla tragedia che ha investito Parigi e la Francia la scorsa settimana. E ieri abbiamo visto tutti come un Paese civile reagisce agli attacchi alla sua laicità, libertà, democrazia.
Spero che questa immagine non bellica, di rifiuto totale del terrorismo e della volontà contestuale di accogliere, comprendere, includere e unirsi contro ogni violenza che abbia motivazioni non culturali e religiose, bensì economico-politico-militari, sia un esempio per chi non capisce che la vera libertà è nella differenza, nell’opportunità di essere e permettere di essere ciò che si vuole essere, senza barriere. Soltanto così, con gli strumenti della costruzione, il dialogo, la reciproca comprensione, l’accettazione, possiamo sconfiggere l’orrore.
Le bombe scavano buche profonde dentro cui nulla può essere seminato.

Parigi - 11 gennaio 2015

Parigi – 11 gennaio 2015

Annunci