nella stanza si penetra da sopra
da una schiena lunga una notte
di lato si scorge un lamento sfatto
si ruota nell’urgenza di risposta

della stanza notiamo strali e rovi
che nel camino deflorano l’impatto
con la pregevole postura degli impianti
in un oleoso oblio di parati e croste

la stanza prima fungeva da rigattiere
di mani e fedeltà a svendere, ora langue
l’attività e riconvertire diviene dovere

Advertisements