DOPO UNA SERATA DI POESIA IRANIANA

tu goccioli dal balcone come dopo intense piogge
ed io bevo da sotto, dal fondo di questa notte
che straripa della tempesta di luna liquefatta
nel vedere che grondi lacrime e non sappiamo otturare
il crepitio di imprecisioni, di verdetti incauti
di cui ci siamo inondati senza la minima ragione
con la furia della stella che si è imposta
di sparire nelle schegge di vapore della nuvola
nel sopore della furia che avvolge buia

Un commento

  1. La cifra individuale è ben netta nel dire lineare co’ versi in fila indiana, assonanze varie e disperse, le braccia aperte , in un soliloquio ideale. Manca, in fondo, il simbolo dell’infinito, peraltro nell’idea definito mentre il dire, irrevocabile in una pertinenza solare. Un colui che ama dire senza fine per oleati inchiostri, magari all’ombra dei tanti nostri dannati, sacri chiostri. Bene così. Ciao! ( beninteso in senso di ‘schiavo’)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...