cadere dall’involucro di un viaggio
vuoto, attraverso la fessurazione
tra origine e destino, quando si fissa
una crepa nelle parole a rimborso
dell’altrui incasso, adattarsi
al tasso di paura oltre la guardia