nella lastra del cielo le nuvole
imprimono radiografie senza
volumetrie a scrutare l’urgenza
che ha perso nome e linfa

negli infrarossi che minano
la mattina cuoce l’infermità
del non volere, del non sapere
come radere la tabula senza
strappare il manto d’azzurro
ultima sacralità del pianeta