una fragile sicurezza ti modella le mosse e i respiri, a farli colare sulle guance quando gli spigoli di vivere ti scheggiano
il cartoccio delle sigarette s’intona alla camicia color foglia e il viso anche, stropicciato dall’ansia di dire troppo per non dire abbastanza
qualcosa ti brucia intorno e il sudore rende la paura che ti farà viaggiare non avvistabile, al coperto da ogni comprensione, senza la distensione che invano attendi