NUOVE COINCIDENZE – GIORGIA ROMAGNOLI E KENDRA HY

Nel primo appuntamento del 2020 di “Coincidenze – due voci sullo stesso B-nario” la poesia incontra la canzone autoriale: la poeta Giorgia Romagnoli intreccia i testi pubblicati nel suo libro d’esordio La formazione delle immagini (Arcipelago Itaca Edizioni) con le sonorità calde e profonde delle canzoni di Kendra Hy, che ci proporrà una selezione di brani in un emozionante set acustico!
L’ingresso, come per tutti gli eventi al centro culturale B-nario (presso stazione FS di Montecosaro Scalo), sarà gratuito; vi chiediamo solo una piccola offerta a sostegno delle iniziative che Umanieventi organizza, col patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Montecosaro e con la collaborazione di Ottobre AssociazioneCulturale.
Per info: 3495753241 // umanieventi@gmail.com
VI ASPETTIAMO!!!

DOPO L’ULTIMA CAMPANELLA

la turbolenza delle auto schiaccia i fumi del tabacco sulle facce degli studenti stroncati dall’ultima segregazione della settimana: ora si scatena la giornata, anche se la detonazione non suona, resta nel piede agitato al termine di gambe contratte in appoggio ai muretti, mentre l’amica fissa quasi non leggendo il messaggio della madre in ritardo, e la vicina quello dell’impegno nel pomeriggio che scardina il cuore e i programmi sognati
io nessun moto in potenza, statico, gli occhiali bassi, a controllare nello schedario in testa se tutto è stato compilato, descritto, annotato, ben accomodato sul giusto scaffale, nell’attesa di fermare le rotative e fissare sulla pagina giusta d’agenda il riposo guadagnato, concludere i discorsi, soltanto combaciare col giusto sguardo, ma prima
l’altro sguardo, il suo di studentessa, occhi sgombri di malizia, senza troppo uniposca sullo zaino, solo una tinta curiosa dei capelli, mi centra dall’altro lato della strada, io irrigidisco la palpebra protetta dalle lenti oscurate, già mi leggo sulla lista degli eliminabili, bersaglio mirato da esplodere, e invece mi ha catturato la trappola dell’ovvio perché le si apre all’istante una risata che allenta il volto, la mano si tende con tutto il braccio a toccarmi l’attenzione, a strapparmi una risposta al saluto
allora penso che non importa in quale reggimento militiamo, l’importante è ricordare sempre di essere fratelli

studenti alla fermata del bus

POESIA DOMANI N. 240

Con la puntata di oggi, Poesia Domani si prende una piccola pausa per impegni personali più importanti, ma torneremo presto, a marzo, con nuove idee per godere delle emozioni donateci dalla poesia in atto!
MERCOLEDÌ 5 FEBBRAIO
– a Milano, Circolo Ohibò, ore 22, primo round del locale torneo di poetry slam, con in gara Gianmarco Tricarico, Andrea Macrì, Osvaldo Risiglione, Anti Gone, Gabriele Bonafoni e Luciano Panama – MC Paolo Agrati e DJ Davide Passoni;
GIOVEDÌ 6 FEBBRAIO
– a Bologna, sede del Centro di Poesia Contemporanea, dalle 18:30 alle 21, ABECEDARIO, serie di incontri informali di lettura e commento ai testi, da Ungaretti a De Angelis – primo appuntamento sull’autore di Soldati e su Eugenio Montale;
VENERDÌ 7 FEBBRAIO
– a Seriate (MI), Spazio Terzo Mondo, ore 21:15, proiezione del film “Libellula gentile” di Francesco Ferri (venturafilm / Marcos y Marcos 2019), alla presenza del poeta Fabio Pusterla – presentazione di Stefano Pini e Cristiano Poletti;
SABATO 8 FEBBRAIO
– San Benedetto del Tronto (AP), libreria IODIO, ore 17, presentazione del saggio Marca Francese di Massimo Raffaeli, alla presenza dell’autore – interviene e introduce il professor Giuseppe Gennari;
– a Padova, libreria Zabarella, ore 18, incontro dal titolo “Generazioni di poeti a confronto” – ospiti Stefano Pini, con Mandato a memoria (Interlinea 2019)  e Demetrio Marra con Riproduzioni in Scala (Interno Poesia 2019) – introduce Andrea Breda Minello;
DOMENICA 9 FEBBRAIO
– a Pescara, Scuola Macondo Officina delle Idee, ore 19, seconda giornata eliminatoria della prima edizione del Macondo Poetry Slam – Mc della serata Barbara Giuliani;
LUNEDÌ 10 FEBBRAIO

MARTEDÌ 11 FEBBRAIO
– a Bologna, Dipartimento di Italianistica, ore 16, serie di incontri dal titolo “Aula Poesia 6” – sottotitolo “L’ansia del canone” – riflessione sulla critica e le antologie che hanno segnato la poesia contemporanea – ospite della giornata Paolo Zublena – coordina il prof. Alberto Bertoni – iscrizione all’indirizzo email unibo.poesia@unibo.it

Aula Poesia 6 – Ansia del canone

 

POESIA DOMANI N. 239

In questi giorni della merla senza il gelo, prendiamo l’occasione al volo, usciamo e seguiamo i consigli di Poesia Domani per una settimana di incontri poetici di alta qualità!
MERCOLEDÌ 29 GENNAIO
– a Milano, presso la Casa della cultura in via Borgogna 3, ore 21, si terrà il primo incontro del ciclo “Il pensiero dei poeti”, a cura di Marina Corona – Tommaso Di Dio e il filosofo Giulio Giorello parleranno di Ezra Pound, l’attrice Sonia Grandis ne leggerà i versi;
GIOVEDÌ 30 GENNAIO
– a Bologna, libreria Coop Zanichelli, ore 18, per la rassegna “Passaggi diVersi I Violenza, etica e lingua nella poesia recente”, Maria Borio e Luciano Mazziotta intervengono sul rapporto tra violenza, etica e lingua a partire dai loro ultimi libri di poesia: TRASPARENZA (Interlinea) e POSTI A SEDERE (Valigie Rosse) – dialogano con gli autori Vincenzo Bagnoli (rivista Versodove) e Roberto Batisti (Università di Bologna);
VENERDÌ 31 GENNAIO
– a Gorizia, galleria d’arte Prologo, ore 20:45, per la rassegna “FARE VOCI GORIZIA”, quinto appuntamento con le letture di Carlo SELAN, Elis PANTAROTTO e Francesca IERONCIG – musica: RIVE NO TOCJE, folk, blues e libera improvvisazione con Fabrizio Citossi voce e chitarra, Marco Tomasin tromba distorta – espone Roberto KUSTERLE la sua mostra personale “εἶδος / εἴδωλον (Eidolon/eidos)”;
SABATO 1 FEBBRAIO
– a Bologna, centro delle Donne, negli spazi di Atelier- Si di Via San Vitale 69, ore 19, prima parte dell’incontro extra programma del fstival “Una come lei” (a cura di …)  con il laboratorio ‘Dal Matto al Mondo: conoscere i Tarocchi’ a cura di Francesca Matteoni – le partecipanti entreranno nella “stanza di lavoro” della poeta per assistere al processo creativo del nuovo libro Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019) che verrà presentato assieme a Anna Franceschini, Giusi Montali e Roberta Sireno;
DOMENICA 2 FEBBRAIO
– a Parma, libreria Feltrinelli, ore 11, Il professor Alberto Bertoni presenta Poesia italiana dal Novecento a oggi edito da Marietti – dialogheranno con l’autore il critico Camillo Bacchini e il poeta Luca Ariano;
LUNEDÌ 3 FEBBRAIO

MARTEDÌ 4 FEBBRAIO
– a Milano, centro polivalente Mare Culturale Urbano, ore 21, nuovo round della competizione in versi “Un Mare di SLAM”, con in gara Paolo Agrati, Mario Andrea Frighi, Lorenzo Pirovano, Giulia Potter Pedrazzetti, Gabriele Ratano ed Eleonora Tundo – ospite Piero Negri – A condurre si alterneranno Giorgio Damato, Antonio Amadeus Pinnetti, Enrico Pittaluga.

Una come lei

DEGUSTAZIONI N. 32

Seconda lettura dell’anno, non ancora completata poiché stentata, mal digeribile, zoppicante: ritrovo nella seconda fila di uno scaffale un’antologia acquistata in bancarella, uno di quei libri che pensi possa essere una chicca imprevista. Italiana, una collezione Mondadori di racconti di narratori “nuovi” all’epoca di quest’edizione fuori commercio datata 1991, composta da alcuni nomi che erano già o diverranno di lì a poco famosi (Tondelli, De Luca, Albinati, Mari e addirittura la Tamaro) ma anche da meteore della letteratura di consumo. Ecco: mescolare autori di indubbio valore, anche se ancora allo stato embrionale, con esperienze poco più che pedissequamente stucchevoli, abbarbicate ad una concezione di narrazione vetusta, ottocentesca, inutilmente roboante, mi è sembrato uno spreco, soprattutto di pagine (ben 430). Si sarebbe potuto optare per un libretto più snello ma anche più accorto nella selezione e quindi non solo più stuzzicante e soddisfacente, ma anche significativo per la definizione di un ipotetico “canone”, di un indirizzo di tensione comune. Tuttavia, come spesso capita con le operazioni antologiche, teniamoci a caro il buono (un paio degli scrittori citati, più Pino Cacucci e Bruno Arpaia) e il resto farà contorno.

COME UNA SPIEGAZIONE

i ciotti suonano di cimitero
ma sostengono il carico del sole
che crocchia e ci scrolla i nervi
né c’è potenza uguale che scarni
l’abbraccio a salvare dai pensieri
senza maniglie

su queste parole secca la luce
atterra a spiegazione, annuendo
tra rami ciocche sibili contratti

scavando cunicoli tra i mali
dell’abitudine usciamo a scrutare
la gioia cieca dell’aria
apriamo le branchie ad inondarci
colmando i contorni senza carne

come una spiegazione