DOMENICA A FIASTRA SI STAVA D’INCANTO!

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

Domenica pomeriggio, caldo ma ventilato, un prato che confina col lago, strumenti e microfoni, un uomo eccentrico con un ukulele e poi cinque poeti, non tutti fisicamente lì ma col cuore di sicuro, una fusione perfetta tra musica e versi, un pubblico dalle sdraio, dal prato, dalle carrozzine a motore, in piedi, tutti in concentrato ascolto, un messaggio appoggiato alla cassa spia che si fa concreto nelle mani che si stringono e poi battono e poi applaudono la certezza che l’incontro ci sia stato, che il patto di comunità si sia stretto e si solidificherà.
Certo, il seme diverrà fusto duraturo, le foglie ci daranno ombra e pace e la sicurezza di essere tanti e uniti e che nuovi incontri ci riuniranno.

Confluenze @ Incanto per il mondo – Fiastra

INCANTO PER IL MONDO

Tag

, , , , , , , , ,

Soltanto per oggi, viste le tragedie e i disagi climatici che hanno colpito le Marche in questi ultimi giorni, si svolge a Fiastra il festival Incanto per il mondo, dedicato alla riflessione sulla disabilità e a potenziare e promuovere l’inclusione sociale attraverso un sistematico abbattimento di ogni barriera, fisica, psicologica, sociale e culturale.
Nel nostro piccolo, come UMANIEVENTI, partecipiamo attraverso un reading concerto durante il quale, alle parole e alla musica, si unirà l’immagine rappresentata da fotografie che “tradurranno” visivamente, per i non udenti, i testi letti. Inoltre, al pubblico non vedente verrà distribuita copia delle poesie stampate con metodo braille.
L’appuntamento è oggi pomeriggio, alle 15.30, alla spiaggetta della località San Lorenzo al Lago di Fiastra: vi aspettiamo!

Incanto per il mondo

LA QUALITÀ DELL’ARIA

alle serate inquiete

tanto alla fine sempre noi circoliamo
nella notte rotta dalle tracce d’ansia
in cerca matta della santa novità
che mai coincide con la nuova santità
dei vaneggi da web, assordanti per
la qualità dell’aria che ora ristagna
sul muro saldo e pensato per la paura
che il passato non resista nel futuro

vista la residualità della posizione
di rado googlata di questi minimi versi
restiamo immersi nell’inchiesta che truce
ci mangia i giorni ma pure ci sorride
ci lancia in caccia della nostra versione

POESIA A BORDO PIAZZA

Tag

, , , , , , , ,

Oggi nel tardo pomeriggio ci facciamo un aperitivo in zona Treia: sarà un’occasione per dirci cos’è la poesia e dare, a chiunque venga a trovarci, l’opportunità di condividere la sua esperienza con i versi:

NASTRO CHE REGISTRA N.2

Tag

, , , , , , ,

le nostre strade rappresentano le vite che scorrono, s’incrociano, a volte ci fanno sgommare, inchiodare o slittare contro l’inesorabile impatto, a meno che non siamo abbastanza abili da impugnare lo sterzo con forza ed imprimere la scelta, la direzione, senza dimenticare la buona sorte di non trovare traffico ad affliggerci
la strada è per me forma simbolica d’elezione e tutte le canzoni che raccontano questo filo d’asfalto che svolgiamo e riavvolgiamo perennemente hanno su di me una imbattibile fascinanzione
come questa, contenuta in un CD che custodisco da vent’anni, ricordando esattamente dove e come ne entrai in possesso e da cui non ho mai potuto, nonostante tutto, separarmi

LA SVOLTA SECCA

la notte ci chiede ancora attenzione
facendoci contare quante stelle mosse
dal vento dei tempi e delle carezze
abbiamo sempre saputo rispondere
sebbene ora si rivolti qualsiasi gesto
che non sia quello soffocato d’estate

mentre il mondo ci soffia addosso
quelle possibilità di percorso
di cui temiamo la svolta secca
la direzione in cui ci perderemo
ma la macchina non smette di andare