Immagine

IL NOME INVERSO

la traversa dell’occhio legge
il nome inverso della notte
mentre affonda tra gli spilli
di stelle affisse e ne calcola
gli effetti a nutrire le sequenze
di voce e cadute a piombo
nel tuo esausto silenzio di sonno

POESIA DOMANI N. 150

Con la puntata di oggi, amiche ed amici, la nostra rassegna settimanale di Poesia Domani va in ferie, dopo aver seguito per tutta la stagione l’andamento delle attività poetiche della penisola, portandovi, anche solo virtualmente, a conoscere tendenze e modalità del fare versi in Italia.
Riprenderemo le nostre attività il primo mercoledì di settembre, ma continueremo a segnalarvi nella pagina fb quello che d’interessante si puo’ fare anche sotto il calcagno della calura.
Per ora, vi indichiamo quello che riguarda la settimana a venire, partendo da domani, giovedì 13 Luglio, quando, al Museo della Marineria di Cesenatico (FC), alle ore 21, si svolgerà il primo appuntamento della Una rassegna di poesia orale a coppie “POETI DA PALCO”, in cui Annalisa Teodorani e Giacomo Sandron incroceranno la loro esperienza di scrittura con dialetto santarcangiolese e dialetto veneto, in un reading dal titolo “ZCHÉURS / CIÀCOLE”.
Passiamo alla giornata di sabato 15 luglio, in cui abbiamo due eventi a cui invitarvi: il primo a Bologna, nel contenitore CaffèTeatrOsteria Costarena , alle ore 21, potrete assistere a “Incontriamoci all’Inferno – sulle orme di Dante tra ironia e verità”, una lettura scenica in cui scoprirete la Commedia come non l’avete mai vista: Beatrice, Gemma Donati, Francesca Da Rimini, il conte Ugolino, Caronte… racconteranno, usando il vernacolo toscano, la loro versione dei fatti, andando spesso contro a quelle che furono le Visioni di Dante. La lettura è curata dall’autrice Cinzia Demi e sarà accompagnata dai brani per liuto, chitarra rinascimentale e barocca del maestro Riccardo Farolfi. L’ingresso è libero, ma per prenotare un tavolo potete anche chiamare il 3315835466.
Tornando indietro di qualche ora, nel pomeriggio, dalle ore 16.30, il Balneare “Da Marco” nella spiaggia di San Michele ospiterà il primo dei due appuntamenti che compongono il cartellone del festival Sirolopoesia, di cui si celebra quest’anno la quarta edizione. In questa giornata i protagonisti saremo io e la bravissima poeta fiorentina Novella Torre che saremo chiamati a leggerci a vicenda, discutendo ed intrecciando i nostri due libri freschi di stampa: Novella con Un secolo di febbre (Transeuropa, 2017) ed io con Formula di vapore (Arcipelago Itaca, 2017). Ad accompagnarci il trio jazz formato da Paolo Della Mora al basso, Daniele Cervigni alla chitarra e Claudia Giaccaglia alla voce.
Non ci resta che augurarvi buona estate in versi e ci ritroviamo a settembre!

Incontriamoci all’Inferno

 

POESIA DI STRADA 2017 – I FINALISTI

La giuria della XX edizione del premio Poesia di Strada, composta da Cristina Babino, Maria Grazia Calandrone, Enrico De Lea, Marco Di Pasquale, Renata Morresi, Eleonora Pinzuti, Luciana Salvucci e Alessandro Seri, ha scelto i dieci finalisti tra le centinaia di partecipanti al concorso.
La proclamazione dei primi tre classificati con la consegna dei relativi premi avverrà il 23 luglio a Colmurano (MC) in occasione dell’ultima giornata del Festival Artistrada. Luogo della premiazione e orario verranno comunicati entro qualche giorno.
I dieci finalisti in ordine alfabetico sono: Francesco Accattoli, Alessio Alessandrini, Maddalena Bertolini, Davide Rocco Colacrai, Azzurra D’Agostino, Francesco Guazzo, Marco Inguscio, Loredana Magazzeni, Jacopo Ninni e Silvia Secco.
Associazione Culturale Licenze Poetiche

Poesia di Strada 2017

POESIA DOMANI N. 149

Bentornati a tutte e tutti al nostro appuntamento del mercoledì con Poesia Domani e tutte quelle occasioni in giro per l’Italia in cui incontrare da vicino la poesia e magari rappacificarvisi e, perché no?, amarla ancor più visceralmente.
Questa volta ci ricolleghiamo alla puntata precedente, ricordandovi che continua fino a domenica 9 luglio il festival de La Punta della Lingua, che si svolge tutt’intorno ad Ancona, con qualche puntata anche fuori provincia. Vi vogliamo segnalare infatti che, tra i tantissimi eventi del ricchissimo cartellone, oltre al poetry slam della Casa di Reclusione di Barcaglione di domani, oltre all’incontro con Walter Siti nel pomeriggio di venerdì, c’è anche la trasferta oranizzata per sabato a Recanati, che prevede una mattinata intensissima con visita della Casa e della Biblioteca leopardiana, una conferenza-viaggio negli autografi leopardiani, a cura di Massimo Natale, e poi un buffet “leopardiano”, all’Osteria Via Leopardi, con menù ispirato allo Zibaldone e ad altri scritti del Poeta, anticipato da un commento, curato da Tommaso Lucchetti, su memorie e sapori nella vita e nell’opera di Giacomo Leopardi. Per informazioni più dettagliate e prenotazioni, collegatevi al sito ufficiale del Festival.
Dopo una mole così ampia di eventi, ci limitiamo e vi invitiamo soltanto ad un altro evento poetico, fissato sempre nella giornata di domenica 9 luglio, inserito all’interno del ricchissimo programma del Rive Festival, dedicato alla cultura di matrice mediterranea, che si svolgerà a Civitanova Marche (MC) per tutto il weekend: infatti, al Moletto Medusa, alle 19.45, sarà protagonista l’ultima raccolta del poeta locale Antonio Malagrida, Fuoristagione, edito dalla casa editrice Raffaelli. Le letture saranno accompagnate dall’improvvisazione del percussionista Luca Ventura.

Antonio Malagrida – Fuoristagione – Rive Festival

UNA CARIE NEL SISTEMA

lo senti, il formicolio sotto lo scudo della pelle? quando, invece della sincerità, tutto, e le febbri della paura che gli salgono fino alla ragione, e quanta fatica tu per contenere, per spiegare, per non indietreggiare. quando sarebbe sufficiente un placido no, non ne comprendo il motivo, senza isterismi, non permettendo l’astuzia agli aguzzini, semplicemente con la fronte fresca e ferma. ma no, meglio toccare con lo sguardo le punte delle scarpe, lucidare i denti visibili nel ghigno che più somigli ad assenso, non si creda che ci sia una carie nel sistema, altrimenti il trapano è pronto e allora addio a sistemazioni, accomodamenti, accordi, stretti con stipendi corti e chilometriche incertezze. tanto lo hanno sempre desiderato, sebbene la voce suonasse altra: il motivo si ripete impietoso, su di loro, non certo su di te che di continuo dissuoni, e dello stridio fai il tuo fascino.